vaccino si o no

Vaccino Sì o No? NoBufale.com non esprime alcun giudizio in merito ai vaccini dato che non ha le competenze per poterne discutere ma è utile informare tutti circa alcune notizie e alcune opinioni più o meno autorevoli.

Quella che vedrete è un’intervista realizzata da TELECOLOR Green Team con il Professore Stefano Montanari l’11 gennaio 2017.

Prima di dare corso alla visione del filmato è corretto chiarire che NoBufale.com non si schiera né pro né contro i vaccini dato che esistono posizioni discordanti nel mondo accademico, ma vuole solo dare voce a chi è fuori dal coro per la propria vocazione di LIBERA INFORMAZIONE.

Chi è Stefano Montanari?

Il Prof. Stefano Montanari, bolognese di nascita ( 7 giugno 1949), modenese di adozione, laureato in Farmacia nel 1972 con una tesi in Microchimica, ha cominciato fin dai tempi dell’università ad occuparsi di ricerca applicata al campo della medicina. Autore di diversi brevetti nel campo della cardiochirurgia, della chirurgia vascolare, della pneumologia e progettista di sistemi ed apparecchiature per l’elettrofisiologia, ha eseguito consulenze scientifiche per varie aziende, dirigendo, tra l’altro, un progetto per la realizzazione di una valvola cardiaca biologica.
Dal 1979 collabora con la moglie Antonietta Gatti in numerose ricerche sui biomateriali.
Dal 2004 ha la direzione scientifica del laboratorio Nanodiagnostics di Modena in cui si svolgono ricerche e si offrono consulenze di altissimo livello sulle nanopatologie.
Docente in diversi master nazionali ed internazionali, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche.
Da anni svolge un’intensa opera di divulgazione scientifica nel campo delle nanopatologie, soprattutto per quanto riguarda le fonti inquinanti da polveri ultrafini.

  • 1972: Laurea in Farmacia presso l’Università di Modena con una tesi di Microchimica
  • 1972 –1979: Consulente tecnico di BOSA S.p.A. – Milano nel settore cardiochirurgia, cardiologia ed emodialisi
  • Dal 1985 Consulente del Laboratorio di Biomateriali dell’Università di Modena
  • 1997-1999: Direttore Scientifico del progetto Biosa per lo sviluppo di una valvola cardiaca di pericardio bovino.
  • 1985-1995: Consulente scientifico di Angiocor – Lille (Francia) per lo sviluppo di filtri per vena cava
  • 1996-2003 Consulente scientifico di ALN – Bormes les Mimosas (Francia) per lo sviluppo di un filtro per vena cava estraibile.
  • 2003 Consulente scientifico del Progetto Mondiale per l’applicazione ultrafase alle tecniche di elettrocardiografia.
  • Dal 2004 Direttore scientifico del laboratorio Nanodiagnostics di Modena.
  • Dal 2005 consulente dell’Osservatorio Militare italiano.
  • Dal 2007 consulente del senatore Fernando Rossi per questioni ambientali.
  • Svolge consulenze per Procure della Repubblica e per vari enti su questioni ambientali.
  • Inventore di un filtro per vena cava estraibile, di una valvola cardiaca protesica, di un sistema per drenaggio pleurico, di un’apparecchiatura per elettrofisiologia e stimolazione cardiaca transesofagea e transvenosa, di cateteri per elettrofisiologia transesofagea, di un sistema per la misura della produzione oraria di urina, di una sacca per urina con un sistema per prevenire le infezioni retrograde.
  • Insegnante a vari corsi di aggiornamento medico e tecnico sulla filtrazione cavale.
  • Insegnante a vari corsi di aggiornamento medico e tecnico sulle nanopatologie.
  • Dal 2004 insegnante all’Interuniversity Master in Nanotechology di Venezia (Università Ca’ Foscari, Università di Padova, Università di Verona)
  • Dal 2005 insegnante al master universitario in sviluppo sostenibile e promozione del territorio dell’università di Torino e della Comunità Europea
  • Autore di articoli scientifici sulla tecnica della filtrazione cavale e sulle tecniche di prevenzione della tromboembolia polmonare.
  • Coautore del libro “Tromboembolia Polmonare e Filtri cavali” curato da C. Rabbia e G. Emanuelli (Il Pensiero Scientifico Editore), 2000
  • Autore di numerosi articoli scientifici sulle nanopatologie e coautore di un volume pubblicato negli USA (“Handbook of Nanostructured Biomaterials and Their Applications in Nanobiotechnology” a cura di H.S. Nalwa, pubblicato da American Scientific Publishers), 2006
  • Autore con A.M. Gatti del libro “Nanopathology ” edito da Pan Stanford, 2007.
  • Autore del DVD con libro “L’insidia delle polveri sottili ” editore Macro, 2007
  • Autore del libro “Il girone delle polveri sottili ” sull’inquinamento da polveri, editore Macro, 2007
  • Curatore del libro “Lo stivale di Barabba ” sul problema dei rifiuti, editore Arianna Editrice, 2008
  • Autore del libro di narrativa “La carne addosso”, editore Serarcangeli, 2003

Alcuni articoli:

  • Gatti, Montanari “La trombolisi meccanica secondo Lefevre” Boll. Soc. Ital. Chirurgia endovascolare, Maggio-Agosto, 32-3, 1994.
  • Gatti, Montanari, “La filtrazione cavale temporanea a media permanenza,” Boll. Soc.Ital. Chirurgia endovascolare, Sett.Dic  (Anno II n. 4), 33-34, 1994.
  • Gatti, Montanari, Emanuelli Physical-chemical characterization of explanted vena cava filters, Medical & Biological Engineering & Computing Vol.35, Suppl.Part 1, Sett 1997 (B12-OS3.04) p.69.
  • Gatti, Montanari (rivista telematica) “Le nano patologie ”in L’Archivio Medicine
  • Gatti, Montanari, Monari, Gambarelli, Capitani, Parisini Detection of micro and nanosized biocompatible particles in blood. J. of Mat. Sci. Mat in Med. 15 (4): 469-472, April 2004
  • A. Gatti, S. Montanari “ Approccio bioingegneristico alla Sindrome dei Balcani” Fisica in Medicina 2004, n.2 , 107-114.
  • AM. Gatti, Montanari “ La cosidetta sindrome dei Balcani: un approccio bioingegneristico (english version) ; (french version)  “Le soi-disant < syndrome des Balkans>: une approche biologique”
  • A. Gatti, S. Montanari, “Retrieval analysis of clinical explanted vena cava filters” J Biomed Mat Res Part B: Appli Biomater 77B: 307-314; 2006
  • A. Gatti, S. Montanari, A. Gambarelli, F. Capitani, R. Salvatori “ In-vivo short- and long-term evaluation of the interaction material-blood” Journal of Materials Science Materials in Medicine, 2005, 16, 1213-19
  • S. Montanari, A.M. Gatti, “Nanopathology and nanosafety”, Proceedings of the International School on Advanced Material Science and Technology “G. Occhialini” – Course VII 6-9 sett. 2005 , Jesi, Ancona, p.174-195
  • A.Gatti, D. Tossini, A. Gambarelli, S. Montanari, F. Capitani “Environmental Scanning Electron Microscope and Energy Dispersive System investigation of inorganic micro- and nano-partciles in bread and biscuits”. In pubblicazione presso Critical Reviews in Food Science and Nutrition.

 

4 Commenti

  1. Perdonatemi ma dire che la comunità scientifica è divisa in merito all’argomento vaccini è fare DISINFORMAZIONE. In realtà la comunità scientifica (quelli che hanno i titoli per definirsi tali) è concordo nell’affermare che i benefici portati dai vaccini superano abbondantemente i rischi. Che voi, che vi definite sito di debunking, non prendiate alcuna posizione in merito lo trovo pericoloso ed eticamente discutibile. Cordiali saluti

  2. Affermando che la comunità scientifica è divisa non è fare disinformazione.
    Sapeva che in Europa ci sono 13 stati in cui i vaccini non sono obbligatori? Sapeva che il Professor Stefano Montanari, di cui abbiamo pubblicato l’intervista, è stato ospitato dal parlamento francese per essere ascoltato sulla questione vaccini?
    Forse lei è un medico o un esperto in medicina e quindi quello che dice ha un fondamento. In questo caso accettiamo la sua posizione.
    Noi di NoBufale.com non siamo né medici né esperti e quindi ci limitiamo a dar voce a persone competenti che hanno qualcosa da dire, anche fuori dal coro…

  3. Sapevate che il “Professor” Montanari non è Professore?
    Stefano Montanari e sua moglie Antonietta Gatti sono specializzati nel trovare nanoparticelle ovunque grazie ad un microscopio elettronico.
    Considerando che le nanoparticelle sono ovunque (anche in una stanza sterile) non si tratta di nessuna scoperta rilevante.
    In Francia hanno fatto una consulenza per la causa legale portata avanti da alcune associazioni antivacciniste, la loro ricerca (in cui hanno analizzato alcuni vaccini, alcuni scaduti, nell’arco di 15 anni) è stata smontata con delle analisi fatte da persone con curriculum decisamente più qualificati nel giro di qualche giorno.
    Giusto per fare un esempio nelle analisi Gatti-Montanari manca l’indicazione della quantità di quella che Stefano Montanari definisce “ferraglia” o “roba grossa”.
    In realtà le quantità sono talmente risibili da poter far ritenere i vaccini particolarmente puri.

    Aggiungiamo il fatto che Montanari è un collaboratore del Comilva, che sul suo blog spaccia bufale da autismovaccini.org, che è un estimatore di Andrew Wakefield e che insinua che i vaccini possano provocare qualunque genere di danno senza fornire uno straccio di prova siamo sicuri le sue opinioni corrispondano a verità?

    ps: parliamo di persone che pensano che il wolframio e il tungsteno siano due elementi diversi.
    Il fatto che Montanari sia entrato nel parlamento francese dimostra che ha agganci politici (come l’antivaccinista Michèle Rivasi), non che sia più competente di medici, biologici e ricercatori.
    L’aver inventato il termine “nanopatologie” non vuol dire aver dimostrato la teoria secondo cui le nanoparcielle possono scatenare qualsiasi patologia, indipendentemente dalla quantità e senza correlazione temporale.
    Purtroppo se qualcuno chiede chiarimenti al dott. Montanari sulle sue teorie non riceve risposte concrete, ma solo sbeffeggiamenti e offese.

    Giusto per parlare di cosa ne pensano persone competenti:
    http://scienceblogs.com/insolence/2017/02/02/antivaccinationists-try-to-show-vaccines-are-dirty-but-really-show-that-they-are-amazingly-free-from-contamination/ (Prof. David Gorski, medico)

    http://www.repubblica.it/scienze/2017/04/19/news/elena_cattaneo_attenti_agli_scienziati_ciarlatani_l_esempio_da_seguire_e_la_bbc_-163346882/ (Prof.ssa Elena Cattaneo, farmacologa, biologa, ricercatrice)

    http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2017/02/08/ilarita-ricorsiva/ (Sylvie Coyaud, giornalista scientifica)

    • Benissimo! Vediamo che il tema viene approfondito con commenti e risposte garbate e competenti. Questo è ciò che ci prefiggiamo.
      Schierarsi aprioristicamente da una parte o dall’altra non giova a nessuno e quindi ben vengano le critiche su Monatanari, ma continuiamo a monitorare la questione.
      Pubblichiamo un’interessante tabella riassuntiva che mostra come in molti paesi europei non esista alcun obbligo di vaccinazione e nella stragrande maggioranza degli stessi l’obbligo è solo per alcuni. L’Italia e la Lettonia si dividono il podio. Dobbiamo desumere che i leader di questi paesi sono degli scriteriati? I paesi senza obbligo di vaccinazione per Difterite, Epatite B, Hib, Meningococco C, Morbillo, Parotite, Pertosse, Poliomielite, Rosolia, Tetano e Varicella NON sono obbligatori in: Austria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Islanda, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Spagna e Svezia.

      Ecco la tabella completa: https://nobufale.com/wp-content/uploads/2017/05/Vaccini-obbligatori-in-Europa.pdf pubblicata da Wired: https://www.wired.it/scienza/medicina/2017/05/24/vaccini-obbligatori-italia-europa/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.