Uomo va a prostitute e trova la moglie

L’articolo pubblicato da Il Giornale Italiano il 19 aprile 2017 narra di un uomo che va a prostitute e trova la moglie. Sembra una notizia divertente e tutt’altro che improbabile. Ecco il testo del post:

Roma. Uomo va a prostitute e trova la moglie. Rissa per gelosia frenata dai carabinieri. 1

Roma. Uomo va a prostitute e trova la moglie. Rissa per gelosia frenata dai carabinieri. 2

Verificando la cronaca locale, però, non vi è traccia alcuna di questo evento. Qualcosa di simile è accaduto questo febbraio in Russia e forse chi ha inventato l’articolo ha preso spunto da questa notizia per ricamare un caso eclatante anche nella nostra capitale.

Il caso simile riguarda Igor Alexeev che scopre che sua moglie Maria, con la quale era sposato da otto anni, si prostituiva in un bordello nella Repubblica Russa di Bashkortostan. Questa rivelazione avviene nel peggiore dei modi: guardando in TV l’arresto in diretta di alcune prostitute, tra le quali c’era la sua amata consorte.

L’uomo preso dallo sconcerto e credendo di aver scambiato quella prostituta in video con sua moglie, comincia a fare qualche ricerca sul web e scopre la seconda vita della sua amata ben pubblicizzata con tanto di tariffe e servizi offerti.

La notizia è stata riportata da Leggo e da FanPage.

Ecco il video dell’arresto.

Ovviamente, la notizia dell’uomo romano che scopre sua moglie mentre si prostituisce in Cristoforo Colombo a Roma è una bufala.

Il sito che la ospita è notoriamente foriero di bufale come ammette candidamente nel suo Disclaimer.

Il “Giornale italiano” non è una testata giornalistica, e non viene aggiornato quotidianamente. Alcune delle notizie riportate potrebbero essere inesatte o inventate a scopo satirico, per far riflettere o semplicemente per divertire. Vogliate comunicarci se qualche contenuto presente nel sito turbi la vostra sensibilità, provvederemo a rimuoverlo o modificarlo.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.